documenti

Il libretto sanitario è una specie di diario, che solitamente viene rilasciato dal veterinario, nel momento in cui il proprietario di un cane appena adottato, si reca da lui per fare la prima visita, per  sverminarlo, e vaccinarlo. A volte, acquistando un cane presso un  allevamento,  può essere che sia lo stesso allevatore a darvi  il libretto, che però poi dovrà essere compilato dal veterinario. In questo caso però fate attenzione perché se sul libretto trovate dei vaccini fatti senza timbri o con su scritto “Eseguito dall’allevatore”, si tratta di un caso di abuso di professione, ed è anche denunciabile penalmente!

Nel libretto, all’inizio, vanno inseriti i dati anagrafici del cane: nome, razza, età, sesso, colore del mantello, numero di microchip e segni particolari, oltre ai dati del proprietario, mentre nelle pagine successive,  ci sono degli spazi nei quali il veterinario andrà ad applicare le etichette delle vaccinazioni fatte e dove scriverà la data del prossimo richiamo, oltre ad altre eventuali annotazioni magari circa le  sverminazioni e all’applicazione di antiparassitari.

Il libretto non ha valore legale, ma nel caso le autorità sanitarie o altre strutture di ricevimento, ve ne facciano richiesta, sarà necessario mostrarlo per permettere alle strutture di verificare che il cane sia  microchippato, e per conoscerne la storia sanitaria.

E’ utile, anzi direi indispensabile, portarlo con sé  quando si va in vacanza col cane, sia perché molte spiagge o alberghi non ammettono i cani se non si presenta il relativo libretto sanitario, sia perché se il cane dovesse ferirsi o star male durante la vacanza, i veterinari del luogo avranno la possibilità di avere importanti informazioni su di lui, e allo stesso tempo di segnare quanto faranno.

Fate attenzione a non perderlo perché il veterinario non ne ha una copia, e quindi tutta la storia sanitaria del cane andrebbe persa. Nel caso accada, sarà comunque possibile fare un nuovo libretto dove potrà quantomeno essere recuperato il numero di microchip grazie alle attrezzature del veterinario

 

 

Condividi il post
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone